You are here

Share page with AddThis

La mostra “Valelapena. Storie di riscatto dal carcere d’Alba” torna ad essere protagonista ad Alba in occasione di Collisioni

News
12.07.2019

La città di Alba torna a ospitare la mostra fotografica “Valelapena. Storie di riscatto dal carcere d’Alba” per raccontare una volta di più come l’eccellenza di un territorio, quello albese fortemente vocato al vino, e l’agricoltura sociale siano ormai un connubio inscindibile. Dal 8 al 26 luglio, in occasione delle giornate finali di Collisioni, una delle manifestazioni estive più importanti in Italia, che ogni anno riempie di musica, letteratura e cultura la zona delle Langhe, le immagini del fotoreporter Armando Rotoletti verranno esposte presso gli splendidi spazi della Cantina Sperimentale dell’Istituto “Umberto I” – Scuola Enologica di Alba, partner chiave del progetto grazie alla cui collaborazione si riesce a produrre il vino. La presenza della mostra vuole essere occasione per quanti visiteranno le Langhe e il Roero in occasione del Festival di mostrare come il lavoro dei campi possa rappresentare per i detenuti una vera e propria occasione di riscatto professionale accompagnando i visitatori in un viaggio attraverso le immagini all’interno della casa circondariale di Alba.

 

Orari di apertura al pubblico:

La mostra totalmente gratuita sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 – 13:00

Nei weekend (sabato 13 e domenica14 e sabato 20 e domenica 21) la mostra rimarrà chiusa

 

 

 

Il progetto Valelapena ha ricevuto inoltre lo scorso 9 luglio la menzione d’onore dall’Ethical Food Design Award, un prestigioso riconoscimento per le aziende del settore alimentare che per principi, servizi, filiere e produzioni di prodotti, hanno vocazione e attenzione all’etica.

In particolare, la giuria ha riconosciuto al progetto “la sua capacità di valorizzare l'agricoltura quale via per il riscatto sociale e l'impegno infuso nel contribuire al recupero sociale di categorie svantaggiate, volto al reintegro in società di persone impegnate in un percorso di riabilitazione attraverso il lavoro e la cultura del vino e della terra”.

“Sono orgoglioso di ritirare questo riconoscimento a nome dei detenuti del carcere d’Alba e di tutte le persone che in questi anni hanno collaborato al progetto”. dichiara Vincenzo Merante - External Communications & Partnership Manager di Syngenta Italia. “In Syngenta,  crediamo fortemente nel ruolo educativo dell’agricoltura e nella sua importanza per la nostra economia e per il nostro tessuto sociale; per questo siamo convinti che questa esperienza possa rappresentare una concreta occasione di riscatto per chi ha perso temporaneamente la rotta e rischia di restare ai limiti della società.”. 

Sono state più di cento i progetti candidati quest’anno all’Ethical Food Design Award, da start up e aziende note del mondo agroalimentare come Bonduelle, Alce Nero, De Matteis e Ferrari Formaggi, per citarne alcuni. Per Syngenta, oltre al riconoscimento al progetto Valelapena, è arrivata anche la nomination per il progetto Mais In Italy attraverso il quale l’azienda si è impegnata a ridare slancio e competitività alla maidicoltura italiana.