You are here

Share page with AddThis

Interra® Farm

Un modello di gestione sostenibile per il futuro dell’agricoltura intensiva


La sperimentazione e divulgazione del modello INTERRA avviene attraverso un piano d’azione pluriennale che consente alle aziende coinvolte di implementare le pratiche agricole più virtuose attraverso l’adozione di strumenti, tecnologie innovative, attività di formazione e informazione fondamentali per fondare e diffondere la cultura dell’uso sostenibile degli agrofarmaci. Al fine di diffondere l’innovazione e indurre cambiamenti reali nei comportamenti, è fondamentale la partecipazione di tutte le aziende, assicurando il massimo coinvolgimento e supporto delle autorità locali e nazionali. Ogni attività è svolta in modo da produrre effetti entro ed oltre i confini aziendali, nel massimo rispetto delle normative a tutela delle risorse naturali (acqua, suolo, biodiversità). L’efficacia è raggiunta con azioni semplici, impegnative ma attuabili nella pratica da tutte le aziende. 

21 aziende fanno riferimento al modello INTERRA Farm in Italia ma il network è in continua espansione.
Di queste, 3 sono inserite nel gruppo internazionale con le aziende di Francia, Belgio, Portogallo, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Marocco.

 

Interra® Toolbox

Strumenti di diagnosi aziendale per la gestione del rischio di ruscellamento - Runoff Tool


Il ruscellamento è un fenomeno per cui l’acqua scorrendo sulla superficie del suolo, trasporta con sé il terreno e tutti i suoi costituenti più nobili. Ciò è estremamente dannoso in quanto ha ripercussioni sulla produzione delle colture a causa degli effetti spesso irreversibili sulla stabilità chimico-fisica del suolo e sulla fertilità.

Il Runoff Tool è un’applicazione diagnostica, studiata e messa a punto da Syngenta, che permette di formulare una diagnosi del rischio di ruscellamento, basata sull’analisi di apposite mappe e integrata dalle caratteristiche specifiche dei diversi appezzamenti rilevate nell’azienda in esame. L’analisi si conclude con un rapporto finale dove, oltre ai dati e alla diagnosi, si elencano le Buone Pratiche che sono state discusse con l’agricoltore per adattarle alla realtà aziendale.