You are here

Più energia dal trinciato con la sperimentazione di MAIS IN ITALY

Prodotti
01.12.2017

 

 

Ottenere più energia dal trinciato è un obiettivo raggiungibile con i giusti investimenti. Lo dimostrano gli esiti positivi della sfida lanciata in occasione dell’ultima stagione di semina, nell’ambito del progetto Mais in Italy, e orientata a raggiungere il traguardo di 5.500 m³ di metano per ettaro, ossia il 20% circa in più rispetto alla normale produzione della zona.

L’iniziativa nasce grazie alla partnership di tre grandi realtà leader nei rispettivi settori di attività: Syngenta, multinazionale dedicata alla ricerca, produzione e commercializzazione di agrofarmaci e sementi; Cifo, azienda storica impegnata in ricerca, produzione e commercializzazione di prodotti per la nutrizione delle colture e Plastic Puglia, impresa specializzata nella produzione di sistemi per l’irrigazione a goccia.

La sperimentazione è stata condotta presso l’azienda Agricola Sant’Ilario, prestigiosa realtà del veneziano appartenente ad una importante holding, e da sempre sensibile ai tema dell’innovazione e della sostenibilità ambientale.

Il segreto del successo sta nell’adottare un protocollo di produzione ben preciso, messo a punto meticolosamente dai tre partner del progetto e basato sulle buone pratiche agronomiche: un’attenta preparazione del terreno, un’accurata scelta di sementi ed agrofarmaci ad elevato rendimento, un programma di nutrizione assolutamente mirato e una gestione della risorsa idrica quasi “chirurgica”. 

In sintesi, i dati raccolti hanno confermato che avere una maggiore redditività nel settore è possibile, ma a patto che gli agricoltori adottino un approccio realmente professionale, orientato al valore, e non ai costi. Ciò implica pianificare accuratamente cosa si intende produrre e commercializzare e dimensionare gli investimenti di conseguenza, seguendo protocolli ben concepiti, che vanno adottati con disciplina, affidandosi all’expertise delle aziende che possono fornire le migliori tecnologie nei vari settori della produzione agricola.

Si prega di accettare i cookie di marketing per guardare questo video.