You are here

Share page with AddThis

Syngenta da 15 anni al fianco degli agricoltori

Pubblicazioni
07.01.2016

Il 2015 appena concluso è stato un anno importante per l’industria agroalimentare globale e per l’economia italiana di settore anche, ma non solamente, per la concomitanza con Expo 2015 incentrato sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.
Syngenta, che ha raggiunto l’importante traguardo del quindicesimo anniversario dalla sua fondazione, continua ad operare al fianco degli agricoltori proponendo soluzioni coerenti con la propria missione di sviluppare un’agricoltura che unisca massima produttività, piena sostenibilità e sicurezza alimentare attraverso un’offerta integrata di genetica, soluzioni per la protezione delle colture, servizi e progetti a valore aggiunto.

Una piattaforma completa, che punta a soddisfare la richiesta di innovazione del mondo agricolo, come testimonia il primato di Syngenta negli investimenti in Ricerca&Sviluppo, la robusta pipeline di prodotti e la ricerca di partnership che rispondano alle necessità degli agricoltori, come quella recentemente avviata con la multinazionale olandese DSM per lo sviluppo di soluzioni per l’agricoltura basate su microrganismi di origine naturale o come quelle locali che, all’interno di “The Good Growth Plan - Gli impegni concreti per il futuro dell’agricoltura” mirano a garantire la valorizzazione e la protezione di quelle caratteristiche che fanno dell’agricoltura italiana un’eccellenza mondiale.

All’interno del catalogo Syngenta 2016 è racchiuso tutto questo: l’esperienza, la passione e la capacità di rinnovamento che ogni anno l’azienda mette al servizio degli agricoltori.

Soluzioni complete per ogni comparto colturale

Sul fronte dei cereali, con un pacchetto di 16 varietà di frumento tenero, 18 di grano duro, 2 ibridi di orzo foraggero e 3 da birra sviluppate appositamente per le esigenze degli areali italiani cui si aggiunge una gamma completa di agrofarmaci, Syngenta costituisce un riferimento davvero unico per gli operatori delle filiere cerealicole per la produzione di pasta, biscotti e birra. L’obiettivo “produrre qualità in quantità” è sostenuto da una proposta tecnica in costante evoluzione; ne è esempio tangibile HYVIDO, l’esclusiva tecnologia degli orzi ibridi che, associata ad uno specifico protocollo di produzione, sta rivoluzionando la coltivazione di questa coltura nel nostro paese.
Ne è ulteriore conferma SEEDS PREMIERE, l’offerta che combina la qualità delle sementi Syngenta con l’esclusivo effetto di “rooting power” offerto dal conciante VIBRANCE GOLD.

Anche per i maiscoltori Syngenta è in grado di proporre nel 2016 tutta una serie di piattaforme colturali integrate per la gestione di produzioni per alimentazione animale, energetica/biogas, alimentazione umana, ecc.
Crescono ulteriormente le opportunità offerte dalla genetica ARTESIAN che all’apprezzato ibrido SY HYDRO affianca quest’anno la novità SY HELIUM, un FAO 500 caratterizzato da un rapido dry down e da un’eccezionale stabilità produttiva sia in irriguo che in condizioni di stress idrico.
Novità assoluta per la campagna 2016 è anche la gamma POWERCELL che identifica una famiglia di ibridi di mais caratterizzati da un trinciato di qualità superiore per produzioni di latte eccezionali. Frutto di un programma pluriennale di sviluppo specifico per mais da trinciato, gli ibridi POWERCELL sono selezionati sulla base di un’alta performance relativa ad una precisa serie di parametri qualitativi: alta produttività di latte per capo, elevata digeribilità della fibra, contenuti equilibrati in amido, grande produzione di sostanza secca digeribile, ampia finestra di raccolta, adattabilità agronomica.

In viticoltura e frutticoltura Syngenta prosegue anche quest’anno con la propria proposta di protocolli per produzioni di qualità che permettono di coniugare raccolti di elevato valore con un approccio economicamente sostenibile e di attenzione alla salute, alla tutela ambientale e alla responsabilità sociale. Ne è dimostrazione tangibile la crescita continua delle adesioni da parte di importanti realtà vitivinicole al Grape Quality Agreement (GQA), l’offerta integrata studiata per produrre uve e vini con le caratteristiche qualitative richieste oggi dai consumatori e garantire, nel contempo, ai produttori l’accesso ai mercati nazionali e internazionali, nel pieno rispetto degli standard di sostenibilità sociale ed ambientale.

Il catalogo 2016 propone nuove soluzioni anche nel comparto delle colture orticole in cui l’assortimento, dopo la recente introduzione del fungicida REVUS TOP per il controllo di Alternaria e Phytophthora di pomodoro e patata, si arricchisce di numerose novità nel campo della genetica. Per il pomodoro da mercato fresco le novità principali sono rappresentate da VALKIRIAS, il nuovo grappolo rosso per coltivazioni a ciclo lungo in ciclo invernale e SEYCHELLE, il nuovo datterino dal sapore inimitabile. SIGFRID, infine, va ad arricchire l’offerta per gli insalatari.
La gamma Zucchino, già molto completa, si amplia ulteriormente con le varietà ibride SCUDO (GS3604) nel segmento a frutto screziato con fiore, SAMOS a frutto verde per il pieno campo primaverile e LIN a frutto chiaro clavato. Numerose le novità anche per l’anguria, tra le più interessanti ROSSELLA (WDL8001), per le elevate caratteristiche qualitative.
Nel campo delle insalate le nuove introduzioni riguardano principalmente le lattughe con le batavie GLORIOLE (per il pieno campo) e FAVOLA (per la serra) e la iceberg ICECASTLE, mentre per le scarole PARUNES si candida a diventare il nuovo riferimento nel segmento delle bionde estive-autunnali.
Da sottolineare anche la gamma brassiche con le due nuove varietà di broccolo, MONRELLO e MONTEVIDEO.

Anche nel settore del florovivaismo non mancano novità grazie all’introduzione di BONZI, regolatore di crescita a base di paclobutrazolo, di grande affidabilità, per la gestione dello sviluppo e della chioma delle piante floricole e ornamentali in vaso.