You are here

Share page with AddThis

La gestione delle micotossine

Le condizioni climatiche ed agronomiche degli areali vocati alla coltivazione del mais in Italia possono favorire lo sviluppo di diversi attacchi fungini che causano la presenza di micotossine sul raccolto e che ne compromettono la qualità e il valore.

Un programma efficace di individuazione e gestione dei fattori di rischio che predispongono al loro sviluppo costituisce una delle principali problematiche la maiscoltura italiana è chiamata a gestire.

La proposta​ «Granella di qualità»

 

Consente di gestire la problematica delle micotossine attraverso la conoscenza e il monitoraggio dei fattori predisponenti e la gestione ottimale delle misure di mitigazione. Il tecnico di Syngenta offrirà consulenza personalizzata alle aziende agricole della rete Mais in Italy relativa a mezzi tecnici e pratiche agronomiche tra cui:

  • - Scelta dell’ibrido di mais adatto alle condizioni climatiche del proprio areale per unire produttività e sanità della granella.
  • Un adeguato programma di difesa della coltura che preveda anche il trattamento insetticida con AMPLIGO contro la piralide del mais che, oltre a compromettere le rese, genera sulla pianta rosure sulle quali si sviluppano malattie fungine che causano lo sviluppo di fumonisine.
  • Il monitoraggio costante delle condizioni ambientali grazie all’innovativa app Opti-Mais di Syngenta, per comprendere e valutare il livello di rischio a cui la pianta è esposta nei momenti critici del suo sviluppo.