You are here

Share page with AddThis

Contaminazione Puntiforme e Diffusa

cascatella int

 

Gli agrofarmaci, anche se in piccola quantità, possono raggiungere i corpi idrici superficiali producendo una contaminazione e un rischio    potenziale per gli organismi viventi che non sono oggetto dei trattamenti. Queste forme di contaminazione possono provenire principalmente da due  sorgenti definite diffusa e puntiforme.

Il comparto acque, oggi ampiamente indagato e discusso sia a livello europeo che nazionale, è oggetto di nuove e sempre più stringenti normative.    Numerose sono le iniziative di Syngenta in cooperazione con agricoltori e autorità regionali, ASL, enti locali o società di servizi sul territorio nazionale per  lo sviluppo di programmi di formazione sulla corretta applicazione degli agrofarmaci con l’obiettivo di mostrare come le “Buone Pratiche Agricole  proteggono le Acque”.

 

Contaminazione diffusa


La sorgente diffusa è una contaminazione indiretta del corpo idrico che si realizza normalmente dopo che l’agrofarmaco è stato distribuito in campo e dopo aver attraversato il suolo o l’atmosfera subendo una trasformazione biotica o abiotica. Può riguardare superfici estese ed è di difficile quantificazione. (fonte: www.gemmagrofarmaci.org).

Ruscellamento, drenaggio sottosuperficiale e deriva sono i maggiori responsabili della contaminazione diffusa delle acque.

laghetto ovale

Il programma di Syngenta
Syngenta ha voluto studiare, tramite enti di ricerca italiani riconosciuti a livello internazione, i principali fenomeni legati a questo tipo di contaminazione e ha identificato alcune possibili misure di mitigazione. Inoltre, Syngenta ha sviluppato materiale informativo e  promosso corsi di formazione sulla corretta applicazione degli agrofarmaci.

Contaminazione puntiforme


La sorgente puntiforme è una contaminazione diretta del corpo idrico che si realizza da superfici limitate (es.: una piattaforma di lavaggio di contenitori di agrofarmaci). 

Le aree aziendali sono le più frequenti sorgenti di contaminazione puntiforme perché sede delle operazioni di preparazione e pulizia delle attrezzature utilizzate per la distribuzione degli agrofarmaci in campo: riempimento, svuotamento e lavaggio delle cisterne. (fonte: www.gemmagrofarmaci.org).

Il programma di Syngenta
In questi anni è stato finanziato dalla Comunità Europea il progetto TOPPS (Train Operators to prevent Pollution from Point Sources) con lo scopo di fornire linee guida (BMP = Best Management Practices) per la corretta gestione degli agrofarmaci. Syngenta ha ampiamente collaborato al progetto TOPPS sia a livello europeo che a livello italiano; ha organizzato corsi di formazione, convegni e riunioni in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino (DEIAFA) – www.topps-life.org

Inoltre, Syngenta ha sviluppato in Emilia Romagna un progetto pilota in collaborazione con l’Università di Piacenza e con il Servizio Fitosanitario Regionale al fine di valutare i punti di criticità durante la gestione di un agrofarmaco e fornire indicazioni pratiche per gestirlo.